Tom Waits che canta “Bella Ciao”

Tom Waits che canta "Bella Ciao"

Nel nuovo disco del musicista statunitense Marc Ribot, dedicato a canzoni politiche e di protesta, c’è una versione di “Bella Ciao” cantata da Tom Waits in inglese. Il disco è uscito pochi giorni, pubblicato dalla casa discografica ANTI- Records. Tom Waits ha 68 anni ed è uno dei più noti cantautori statunitensi. “Bella Ciao” è un famoso canto dei partigiani italiani durante la Seconda guerra mondiale.

Il trailer del sequel di “Mary Poppins”

Il trailer del sequel di "Mary Poppins"

È stato pubblicato il primo trailer di Il ritorno di Mary Poppins, il sequel del famosissimo film della Disney del 1964. Anche questo film, come il precedente, è un adattamento di un romanzo di Pamela Lyndon Travers. Il film è ambientato sempre a Londra ma nel 1930, vent’anni dopo i fatti del primo film; la protagonista è sempre la tata dai poteri magici Mary Poppins, che torna a far visita a Jane e Michael Banks, ormai cresciuti.

Nel ruolo di Mary Poppins, che fu di Julie Andrews, c’è Emily Blunt, e nel cast ci sono anche Lin-Manuel Miranda, Ben Whishaw, Emily Mortimer, Meryl Streep, Colin Firth, Julie Walters e Angela Lansbury. C’è anche Dick Van Dyke, che nel primo film interpretava lo spazzacamino Bert e il banchiere Mr. Dawes Sr, mentre qui sarà il figlio di quest’ultimo. Il film, diretto da Rob Marshall, uscirà negli Stati Uniti il prossimo 19 dicembre.

Infine è arrivato un “best of” di Lucio Battisti su Spotify

Infine è arrivato un “best of” di Lucio Battisti su Spotify

Il 15 settembre sulle piattaforme di streaming musicale Spotify e Deezer è comparso un disco di Lucio Battisti, una raccolta di grandi successi intitolata Il meglio di Lucio Battisti (Remastered). Il disco contiene in tutto 16 canzoni, tra le più note di Battisti e Mogol, uno dei suoi parolieri: ad esempio ci sono “I giardini di marzo”, “Con il nastro rosa” e “Il mio canto libero”. Il 13 settembre – quasi nessuno se ne è accorto – era arrivato invece un disco con 22 canzoni cantate in spagnolo da Battisti, Éxitos en Español (Remastered). C’è però qualcosa che lascia dei dubbi sulla legittimità dell’operazione: il fatto che la qualità audio del disco sia abbastanza bassa e che alcune tracce siano evidentemente rovinate, per esempio, ma anche che la natura della casa discografica associata al disco è poco chiara.

Come sanno bene gli appassionati del cantautore, di cui è appena trascorso l’anniversario dei 20 anni dalla morte, è una notizia: finora infatti nessun servizio di streaming musicale e nemmeno YouTube avevano i diritti per le canzoni originali di Battisti, e chi voleva ascoltarle online doveva accontentarsi di cover. Edizioni Musicali Acqua Azzurra, la società che deteneva i diritti ed era presieduta da Grazia Letizia Veronese, vedova di Battisti, si era sempre rifiutata di renderle disponibili sui servizi di streaming musicale, scelta molto insolita e secondo molti controproducente in termini economici.

Nel luglio del 2016, però, il tribunale di Milano accolse parzialmente una causa di Giulio Rapetti, in arte Mogol, cioè l’autore dei testi delle canzoni di Battisti, che aveva chiesto un risarcimento di 8 milioni di euro a Edizioni Musicali Acqua Azzurra, per avere ostacolato il suo sfruttamento commerciale del repertorio di Battisti. A Mogol furono accordati 2,8 milioni di euro di risarcimenti, e visto che non poteva pagarli, Edizioni Musicali Acqua Azzurra fu messa in liquidazione. Le cose si sono ulteriormente complicate quando il bilancio 2017 realizzato dai due liquidatori è stato molto osteggiato dai soci di Edizioni Musicali Acqua Azzurra, tra cui la casa di produzione Universal. Alla fine il Tribunale imprese ha affidato all’avvocato Gaetano Maria Giovanni Presti la guida della società dandogli tra le altre cose il potere di concedere licenze di sfruttamento economico delle opere «anche online». Per questo anche se finora non ci sono notizie precise in merito, nelle scorse settimane i giornali avevano annunciato un possibile prossimo arrivo delle canzoni di Battisti sulle piattaforme di streaming.

Un paio di titoli del disco ora su Spotify e Deezer non sono scritti correttamente (“Io te venderei”, “La collina deli ciliegi”): per questo su Repubblica il giornalista Ernesto Assante ha ipotizzato che possa anche entrarci un hacker, cosa che spiegherebbe anche la bassa qualità del disco. Quel che è certo è che Mogol non sapeva che le canzoni sarebbero arrivate online ieri e che Universal Digital Enterprises, la casa discografica indicata su Spotify come produttrice di Il meglio di Lucio Battisti (Remastered), non fa parte di Universal.

Nuovo Flash