Le proposte di Salvini per affrontare il coronavirus: chiudere, riaprire, chiudere, riaprire, chiudere, riaprire

Le proposte di Salvini per affrontare il coronavirus: chiudere, riaprire, chiudere, riaprire, chiudere, riaprire

Nelle scorse settimane il segretario della Lega ed ex ministro dell’Interno Matteo Salvini ha proposto diverse soluzioni per affrontare l’emergenza causata dalla pandemia da coronavirus, alcune parecchio diverse fra loro. Dopo l’ultima in ordine di tempo, quella di riaprire aziende e uffici della Lombardia – la regione di gran lunga più colpita dal contagio – Repubblica ha messo insieme le sue proposte dall’inizio dell’emergenza. A febbraio, nell’arco di una settimana, Salvini è passato dal suggerimento di chiudere tutto il paese alla proposta di tenere aperto tutto quello che si poteva. A marzo ha chiesto di nuovo di chiudere tutto il possibile, mentre da una decina di giorni sta chiedendo (di nuovo) una parziale riapertura di chiese, fabbriche e uffici.

Il trailer di “Capone” con Tom Hardy

Il trailer di "Capone" con Tom Hardy

È stato diffuso il primo trailer di Capone, il film in uscita nel 2020 sugli ultimi anni di vita del mafioso italoamericano Al Capone, interpretato dall’attore inglese Tom Hardy. Il film è diretto da Josh Trank e in Nord America sarà disponibile online in modalità on demand da martedì 12 maggio. Non si sa ancora se e quando uscirà al cinema, né si conoscono le date della sua diffusione in Europa e in Italia. In Capone con Tom Hardy recitano anche Linda Cardellini, Matt Dillon e Kyle MacLachlan.

Anche Banksy resta a casa, e queste sono le conseguenze

Anche Banksy resta a casa, e queste sono le conseguenze

Banksy, il più famoso street-artist al mondo, ha pubblicato una foto in cui mostra il bagno di casa sua, pieno di graffiti, con scritto “mia moglie odia quando lavoro da casa”, alludendo alle misure restrittive per contenere il contagio da coronavirus. Parte della notorietà di Banksy è dovuta al suo anonimato e oggi potrebbe aver dato un indizio in più sulla sua identità, anche se già nel 2011 il Daily Mail, un tabloid britannico non molto affidabile, aveva sostenuto che fosse sposato. O forse, è soltanto un modo di dire.

View this post on Instagram

. . My wife hates it when I work from home.

A post shared by Banksy (@banksy) on

Nuovo Flash