Il trailer del nuovo videogioco dei Pokémon per Nintendo Switch

Il trailer del nuovo videogioco dei Pokémon per Nintendo Switch

Oggi è stato pubblicato il primo trailer del nuovo videogioco dei Pokémon per la console  Nintendo Switch. Il gioco si chiama “Pokémon Let’s Go” e sarà in vendita dal 16 novembre in due versioni, “Pokémon Let’s Go: Pikachu”  e “Pokémon Let’s Go: Evee”, a seconda che si voglia iniziare il gioco con l’uno o con l’altro Pokémon.

La meccanica di gioco non si discosta molto da quella degli altri giochi classici della serie Pokémon: si va in giro per il mondo alla ricerca di mostri da catturare e con cui combattere per diventare il miglior “allenatore di Pokémon”. Come per tutti i giochi di Nintendo Switch si potrà scegliere se giocare direttamente sulla console o sul televisore. Sarà inoltre disponibile una modalità multiplayer, per sfidare altri giocatori o per andare a caccia di Pokémon insieme a loro e, per chi gioca a “Pokémon Go“, ci sarà la possibilità di trasferire i Pokémon dalla Nintendo Switch all’app.

I Weezer hanno rifatto “Africa” dei Toto, su richiesta

I Weezer hanno rifatto “Africa” dei Toto, su richiesta

La band americana dei Weezer, tra le più famose della musica rock e alternativa degli anni Novanta e Duemila, ha rifatto la canzone “Africa” dei Toto dopo le insistenti richieste online di una loro fan teenager dell’Ohio, diventate virali nelle ultime settimane. “Africa” dei Toto è una delle canzoni più famose degli anni Ottanta, ma soprattutto negli ultimi anni è diventata una specie di meme, perché considerata un po’ ridicola e “finta” e mielosa. I Weezer fanno invece una musica molto diversa, ma sono famosi, tra le altre cose, per aver preso parte a varie trovate e operazioni buffe, negli anni.

I rapper Drake e Pusha-T stanno litigando

I rapper Drake e Pusha-T stanno litigando

Il rapper americano Pusha-T da qualche giorno ha riaperto una sua vecchia faida con il canadese Drake, pubblicando una nuova canzone intitolata “The Story of Adidon”, piena di riferimenti a Drake. La canzone è accompagnata da una foto che mostra Drake in “blackface”, cioè con la faccia pitturata di nero, una vecchia abitudine degli spettacoli di varietà considerata oggi molto offensiva nei confronti degli afroamericani. La foto, in realtà, sembra arrivare da un servizio fotografico che Drake fece con l’intento opposto, cioè sensibilizzare contro il razzismo: del resto lui stesso è afroamericano. Ciononostante Pusha-T ha provato a presentarla negativamente; nella canzone, poi, accusa Drake di essere il padre del figlio di Sophie Brussaux, una pornostar americana, come suggeriscono da mesi diversi giornali di gossip.

Pusha-T, che ha 41 anni ed è uno dei più famosi rapper del mondo, sebbene molto meno conosciuto di Drake, aveva iniziato a litigare (a “dissare”, come si dice in gergo) con Drake nel suo ultimo disco, Daytona, uscito venerdì scorso e prodotto da Kanye West. Pusha-T aveva inserito nella canzone “Infrared” un riferimento ad alcune accuse emerse nel 2015 secondo le quali Drake si faceva scrivere i testi da altri. Drake aveva risposto lo stesso giorno, con la canzone “Duppy Freestyle”, nella quale chiedeva se davvero dovesse occuparsi di questa «scemenza».

Nuovo Flash