Stanno smontando lo storico palazzo di Tokyo che sembra una pila di lavatrici giganti

Stanno smontando lo storico palazzo di Tokyo che sembra una pila di lavatrici giganti

Da alcune settimane a Tokyo sono in corso i lavori di demolizione di uno dei palazzi più famosi della capitale giapponese: la Nakagin Capsule Tower, caratterizzata da una serie di cubi di cemento con finestre a oblò che la rendono molto simile a una pila di lavatrici giganti.

L’edificio fu progettato dall’architetto giapponese Kisho Kurokawa e alla sua inaugurazione, nel 1972, era considerato una struttura all’avanguardia e futuristica, simbolo del movimento architettonico del Metabolismo, creato in Giappone con l’idea che l’architettura urbana fosse un organismo da trasformare e adattare alle esigenze della società. Kurokawa aveva immaginato che le capsule avrebbero dovute essere smontate e rimontate ogni 25 anni per adattarsi alle nuove esigenze della società, in linea con lo spirito del movimento metabolista, ma nel 1997 i proprietari decisero di bocciare il progetto che prevedeva questo intervento, che sarebbe stato troppo complesso da realizzare.

La Nakagin Capsule Tower prima che iniziasse la demolizione (Carl Court/Getty Images)

La Nakagin Capsule Tower prima che iniziasse la demolizione (Carl Court/Getty Images)

Da anni la Nakagin Capsule Tower aveva diversi problemi strutturali (tra cui la mancanza di acqua calda), e un anno fa si era deciso di smantellarla per far posto a una nuova costruzione. Considerato il valore architettonico del palazzo, è stato deciso di non distruggere le capsule, ma di smontarle una per una e di donarle a musei, gallerie d’arte o istituzioni, sia in Giappone che all’estero.

Cosa capite quando qualcuno vi dice “ci vediamo venerdì prossimo”?

Cosa capite quando qualcuno vi dice "ci vediamo venerdì prossimo"?

L’esperto di comunicazione politica Lorenzo Pregliasco ha fatto un sondaggio su Twitter su un dubbio linguistico che probabilmente hanno avuto in diversi, almeno una volta: se nella giornata di mercoledì una persona dice a un’altra «ci vediamo venerdì prossimo», intende darle appuntamento dopo due giorni oppure nove, cioè il venerdì della settimana seguente? Può sembrare ovvio per qualcuno, ma al momento le oltre seimila persone che hanno risposto al sondaggio si sono in realtà divise: il 55 per cento ha scelto la prima risposta, il 45 per cento la seconda.

La posizione dell’Accademia della Crusca, l’istituzione più autorevole sulla lingua italiana, è molto netta: «l’aggettivo prossimo unito ad unità temporali» come per esempio i giorni della settimana «indica la prima unità di tempo successiva al momento dell’enunciazione. Questo significa che il mese o il giorno cui si fa riferimento nella frase è il primo che arriva rispetto al momento in cui pronuncio la frase». Anche l’enciclopedia Treccani contiene una definizione simile. Se sto parlando di mercoledì e dico «venerdì prossimo», insomma, l’interpretazione più condivisa dagli studiosi è che si intenda «fra due giorni».

Poi però esiste il piano della lingua usata tutti i giorni, in cui molte persone per semplicità ed economia del discorso si limitano a usare soltanto il giorno della settimana in questione, se non è ancora arrivato: «ci vediamo venerdì», se detto mercoledì, non lascia dubbi. Il fatto che una persona aggiunga «prossimo» genera una certa ambiguità: se non si è limitata a dire «venerdì», potrebbe pensare l’interlocutore, è perché intende il venerdì della settimana successiva.

Treccani sostiene addirittura che per essere più chiari bisognerebbe dire «venerdì prossimo venturo», dato che “venturo” significa “immediatamente successivo” e quindi eliminerebbe ogni dubbio sul termine temporale. In realtà “venturo” è una parola desueta, ormai scomparsa dalla lingua di tutti i giorni, che probabilmente oggi genera per lo più spaesamento tra chi la sente. Usare “venturo” è insomma uno di quei casi in cui l’utilizzo di una forma teoricamente più corretta può generare più che altro confusione e fraintendimenti.

Le bizzarre immagini prodotte dall’intelligenza artificiale “generativa” DALL-E

Le bizzarre immagini prodotte dall'intelligenza artificiale “generativa” DALL-E

Di recente stanno circolando molto le immagini prodotte da un’intelligenza artificiale sviluppata dalla società non profit statunitense OpenAI e in grado di produrre immagini o testi sulla base di un input testuale qualsiasi (prompt). L’intelligenza artificiale è la terza versione di un modello di linguaggio chiamato Generative Pre-trained Transformer (GPT-3) e ha attirato molta attenzione per la capacità di tradurre in immagini estremamente fedeli input testuali anche abbastanza strambi, come “piazza Tienanmen sulla PlayStation 2”.

La versione di GPT-3 in grado di fare questo è stata chiamata DALL-E, dal nome del pittore surrealista Salvador Dalí e da quello di WALL•E, il robottino protagonista dell’omonimo film della Pixar. Su questo sito si possono fare alcune prove, e su Twitter l’account @weirddalle ne raccoglie alcune piuttosto bizzarre. Per esempio Elmo, il personaggio dei Muppet, che combatte durante lo sbarco in Normandia.

O ancora Martin Luther King in versione Clash Royale, un videogioco.

Vi siete mai immaginati Shrek che stringe la mano ad Adolf Hitler?

E il dirigibile Hindenburg, protagonista di un celebre disastro nel 1937, dentro il videogioco Fortnite?

L’ultimo: Osama bin Laden se fosse un pupazzetto collezionabile Funko Pop.

Nuovo Flash