La caduta dei corridori al Tour de France, a causa del tifo a bordo strada

La caduta dei corridori al Tour de France, a causa del tifo a bordo strada

A circa 48 chilometri dall’arrivo della prima tappa del 108° Tour de France, iniziato oggi in Francia tra Brest e Landerneau, parte del gruppo dei ciclisti è caduta a causa di una spettatrice a bordo strada che con un cartello di cartone ha urtato Tony Martin, che si trovava tra i primi. Un gruppo di alcune decine di corridori è caduto a terra e nell’incidente è stato coinvolto anche il ciclista italiano Vincenzo Nibali. Il resto del gruppo ha rallentato evitando che ci fossero ulteriori cadute, poi la corsa è ripresa.

 

L’invasione di leoni marini su una spiaggia del Cile

L'invasione di leoni marini su una spiaggia del Cile

Nelle ultime ore più di 300 leoni marini si sono rifugiati sulle spiagge di Tomé, in Cile, pochi chilometri a nord della città di Concepción. Secondo gli esperti e i residenti i leoni marini potrebbero aver scelto di ripararsi a terra perché impauriti dalla caccia delle orche o da venti molto forti. La settimana scorsa decine di leoni marini avevano cercato di salire a bordo di una barca da pesca mentre scappavano da alcune orche: un pescatore locale, Antonio Zapata, aveva detto a Reuters che è piuttosto comune che le orche caccino leoni marini e altre prede nelle zone del Cile centro-meridionale, ma che in quarant’anni di attività non aveva mai visto niente di simile.

L’autogol più goffo degli Europei, fin qui

L'autogol più goffo degli Europei, fin qui

Durante la partita fra Slovacchia e Spagna degli Europei di calcio, in corso in queste settimane, si è visto l’autogol più goffo del torneo, arrivato a circa metà delle partite previste.

Dopo un tiro di Pablo Sarabia finito sulla traversa e rimbalzato verso l’alto, il portiere slovacco Martin Dúbravka ha cercato di schiaffeggiarlo fuori dal campo, con un gesto che i portieri di alto livello ripetono centinaia di volte nella propria carriera. Dúbravka però ha calcolato male la traiettoria del pallone e ha spinto il pallone nella propria porta con una specie di “schiacciata” pallavolistica. Pochi minuti prima dell’autogol Dúbravka – che ha 32 anni e gioca nel Newcastle, in Premier League – aveva parato un rigore ad Álvaro Morata.

Quello di Dubravka è il settimo autogol degli Europei 2020. In precedenza il più goffo era stato fatto dal portiere finlandese Lukáš Hrádecký durante Finlandia-Belgio.

Nuovo Flash