Io tra l’altro nella vita mangerei solo panini

P1010286

Ogni giorno Federico Bernocchi tiene un programma su Radio Rai2 che si chiama Canicola. È tipo il più bel programma del mondo dopo Radio TSO e prima di Acapulco. Solo che Radio TSO non lo fanno più. E Acapulco lo stiamo aspettando un po’ tutti. A parte Dispenser. E aggiungo Condor per campanilismo. Insomma, lui Federico Bernocchi allora fa Canicola. Per il programma faccio un disegno brutto al giorno. Brutto che fa provincia. Ci provo almeno. Un mashuppone di alcuni argomenti toccati dalla puntata. Perché? Boh. Perché chi non farebbe dei disegni per la radio? Quindi dicevo, ogni giorno, da mezzogiorno all’una e mezza come dei veri califfi ascoltate Canicola oppure scaricatevi il podcast (che contiene il disegno del giorno che potete trovare anche qui grandissimo) E qui troverete fino a Settembre un disegno al giorno con il testo che ricevo dei temi della puntata da Bernocchi. Vi siete mai sentiti più felici? Ecco. Felicizzatevi.

from: Federico Bernocchi

Lunedì è il giorno del cambiamento. È il giorno in cui arriviamo in Expo e cominciamo a trasmettere tutti i giorni da lì. Io sono già stato un giorno ad Expo con Costantino per preparare cinque puntate di Acapulco e ci siamo divertiti come i pazzi: abbiamo mangiato tutto il giorno (soprattutto in Iran e in Brasile) e poi abbiamo fatto vedere a tutti i turisti stranieri che noi italiani siamo bravissimi a saltare le file per entrare nei diversi padiglioni. C’hanno beccato in tanti ma alla fine ci hanno sgridato solo i francesi. Maledetti cugini transalpini! Comunque visto che siamo in Expo metto la colonna sonora di un film che si intitola Chef e che parla di un grande chef (Jon Fevreau) che rimette in piedi la sua vita lavorativa e sentimentale andando in giro per gli States con un van in cui fa dei panini pazzeschissimi. Io tra l’altro nella vita mangerei solo panini. Jon Fevreau è partito come sceneggiatore di un piccolo film, Swingers, per poi diventare uno dei nomi più caldi della Hollywood quella baraccona e spendacciona. Mi fa sempre piuttosto ridere questa cosa: è partito che sembrava un fenomeno indie, piccolo e marginale per poi diventare il regista di Iron Man e Cowboys vs Aliens. Adesso con Chef s’è regalato un ritorno alle origini con un filmetto fatto su misura con la gente che gli regala i cameo (Scarlett, Robert Downey. Jr, ecc…) che se non fosse fatto in amicizia costerebbe come comprarsi il padiglione della Germania. In Swingers Fevreau recitava al fianco di uno dei più grandi e sottovolatuati attori della nuova Hollywood, ovvero Vince Vaughn, che adesso in tanti stanno scoprendo grazie a True Detective. Nella seconda parte sentiamo Massimilano Versace che è un cervello enorme e il CEO di Neurala Inc. e direttore del laboratorio di Neuromorphics all’Università di Boston. Con lui parleremo del nuovo Terminator, di Humans e di quelli simpaticissimi che stanno organizzando lo scontro tra robot Giappone vs. Stati Uniti. Come in Robojox. Poi se c’è tempo mi piacerebbe parlare dell’amico di Vince Vaughn, Ben Stiller e di Noah Baumbach, regista di Frances Ha e del nuovo While We’Re Young, tradotto in italiano (malissimo) come Giovani si diventa.

P1010285

 

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.