• Mondo
  • Questo articolo ha più di un anno

Una suora italiana è stata uccisa in Mozambico in un attacco compiuto contro una missione religiosa

Martedì sera c’è stato un attacco nella sede della missione religiosa di Chipene, nel nord del Mozambico: è stata uccisa una suora comboniana veneta di 83 anni, Maria De Coppi. La missione religiosa era gestita dal Centro missionario Concordia di Pordenone, che ha dato la notizia e ha detto che le altre persone presenti nel luogo dell’attacco sono sopravvissute e fuggite, inclusi due sacerdoti friulani, don Loris Vignandel e don Lorenzo Barro.

Non si sa ancora molto dell’attacco: sembra che alcuni uomini abbiano assaltato la sede della missione dando fuoco a tutto ciò che c’era al suo interno. Il Centro missionario Concordia di Pordenone ha parlato di «ribelli». Inacio Saure, arcivescovo di Nampula, alla cui diocesi fa riferimento la missione, ha detto all’agenzia di stampa Fides che è probabile che sia stato un attentato terroristico di matrice jihadista (nella provincia di Nampula ce ne sono stati altri di recente).

Pubblicità

(ANSA/UFFICIO STAMPA OXFAM)