• Mondo
  • venerdì 29 Aprile 2022

Il capo del governo delle Isole Vergini Britanniche è stato arrestato per contrabbando di droga e riciclaggio di denaro 

Giovedì all’aeroporto di Miami, negli Stati Uniti, è stato arrestato Andrew Fahie, il premier delle Isole Vergini Britanniche, con l’accusa di traffico di droga e riciclaggio di denaro: Fahie avrebbe accettato una tangente di 700mila dollari (circa 660mila euro) per permettere il traffico di migliaia di chili di cocaina attraverso il porto delle Isole, da importare poi negli Stati Uniti.

Fahie è stato arrestato dagli agenti della Drug Enforcement Agency (DEA), l’agenzia federale antidroga americana, che si sono finti trafficanti di droga del cartello messicano di Sinaloa, considerato il più grande fornitore di droghe illegali negli Stati Uniti: tramite un informatore, gli agenti della DEA avevano discusso con Fahie i dettagli degli accordi e gli avevano dato appuntamento all’aeroporto di Miami per la consegna della tangente, in contanti, per poi arrestarlo.

Pubblicità

Assieme a Fahie sono stati arrestati anche Oleanvine Maynard, direttrice dei porti delle Isole Vergini da poco più di un anno, e suo figlio Kadeem Maynard, secondo gli agenti coinvolto nei fatti al centro dell’accusa. L’indagine che ha portato agli arresti era iniziata lo scorso ottobre.

Le Isole Vergini Britanniche sono un territorio d’oltremare britannico fatto di circa 40 isole nei Caraibi, a est di Porto Rico: tra le altre cose, sono considerate un paradiso fiscale – svariate manovre finanziarie al centro dei “Pandora Papers”, per esempio, riguardavano società che avevano sede lì – e Fahie è accusato anche di corruzione, in un’indagine iniziata a gennaio del 2021 di cui si attende ancora l’esito.

Andrew Fahie (YouTube)