• Mondo
  • sabato 20 Novembre 2021

Per la prima volta una persona di origine nativa americana guiderà l’agenzia statunitense per la gestione dei parchi nazionali

Per la prima volta una persona di origine nativa americana sarà a capo del National Park Service, l’agenzia statunitense per la gestione dei parchi nazionali: Charles F. Sams III, che fa parte delle Tribù confederate della riserva indiana di Umatilla, era stato scelto per questo ruolo dal presidente Joe Biden ad agosto, e giovedì la sua nomina è stata confermata dal Senato.

I parchi nazionali americani sono stati istituiti, a partire dal 1872, su terre un tempo appartenenti ai nativi americani, spesso requisite con la violenza dagli americani bianchi: per questo la nomina di Sams è considerata molto importante e significativa dalle comunità di origine nativa. La presidente del National Congress of American Indians Fawn Sharp ha commentato la notizia dicendo: «Considero questa nomina come un’opportunità per riconciliarsi con il passato, per guarirlo, e per riconoscere la profonda conoscenza e la saggezza che un nativo americano può portare in quel ruolo».

Sams lavora da più di 25 anni in organizzazioni statali o non profit dedicate alla salvaguardia delle risorse naturali.

Charles F. Sams III durante l'audizione sulla sua nomina a capo del National Park Service (Canale YouTube Indianz)