Il padre di Britney Spears ha detto che «quando sarà il momento» smetterà di occuparsi del patrimonio e della vita della figlia

Il padre della nota cantante americana Britney Spears, James Spears, ha detto che «quando sarà il momento» si farà da parte e smetterà di occuparsi di molti aspetti della vita personale e del patrimonio della figlia, che controlla dal 2008, quando lei ebbe una grave crisi nervosa. Da tempo Spears chiede che il padre non gestisca più le sue finanze e la sua vita privata, e che venga messa fine alla conservatorship, lo strumento legale che permette a uno o più tutori di prendere decisioni per conto di persone che non possono prendersi cura di sé, per anzianità o disabilità mentale.

Giovedì durante un’udienza a un tribunale di Los Angeles gli avvocati di James Spears hanno detto che al momento «non ci sono circostanze urgenti» in base alle quali dovrebbe essere «sospeso o rimosso» dal suo ruolo, ma hanno aggiunto che in ogni caso Spears intende collaborare coi giudici affinché ci sia «una transizione ordinata verso un nuovo tutore».

– Leggi anche: La tutela di Britney Spears, dall’inizio

Britney Spears a Las Vegas nel 2016 (David Becker/ Getty Images)