• Mondo
  • martedì 10 Agosto 2021

Un tribunale cinese ha respinto il ricorso contro la condanna a morte del cittadino canadese Robert Schellenberg

Martedì un tribunale cinese di Liaoning, nel nordest della Cina, ha respinto il ricorso presentato dal cittadino canadese Robert Schellenberg contro la sua condanna a morte per traffico internazionale di droga. Schellenberg era stato arrestato nel 2014 e condannato a 15 anni di carcere nel 2018 per il contrabbando di più di 200 chili di metanfetamine. Era stato poi condannato a morte nel gennaio del 2019, con l’accusa di aver avuto un ruolo chiave nel traffico di cui era accusato.

Ci si aspetta che la decisione del tribunale cinese di Liaoning aumenterà le tensioni in corso tra Cina e Canada, dovute tra le altre cose all’arresto in Canada e alla successiva richiesta di estradizione della dirigente cinese di Huawei, Meng Wanzhou. Wanzhou era stata accusata dalle autorità canadesi di aver incoraggiato la violazione delle sanzioni americane contro l’Iran.

(EPA/ROMAN PILIPEY)
TAG: ,