Una canzone di Jon Allen

Siamo stati male, finora, a non sapere niente di Jon Allen?

Le Canzoni è la newsletter serale che ricevono gli abbonati del Post, scritta e confezionata da Luca Sofri (peraltro direttore del Post): e che parla, imprevedibilmente, di canzoni. L’indomani – il martedì, mercoledì e venerdì – la pubblichiamo sul Post, ci si iscrive qui.
Pur perdendo l'Eurofestival, la musica britannica è capace di produrre cialtronate da primato quasi quanto produce cose imbattibili: e quando si tratta di fare le canzoni per gli eventi sportivi il livello si abbassa drammaticamente, come ha dimostrato anche la canzone con Bono e The Edge e coso per gli Europei di calcio, che sembra la versione per X Factor di una canzone degli U2, con Bono che canta come se fosse il nipote di Bono. Però delle volte è andata meglio, e il Guardian ha messo in fila una serie di canzoni scritte per l'Inghilterra di calcio, tra cui si salvano quella dei Lightning Seeds e quella dei New Order. Sempre meglio di Notti magiche.
Oggi ha compiuto 60 anni pure Boy George, che non è mai entrato nel campionato delle cose migliori dei ricchi anni Ottanta britannici, però è sicuramente stato un "precursore", ha avuto successi ammirevoli, e comunque Victims, pure in quel trionfo di kitsch orchestrale, aveva una sua bellezza.
Sto traslocando, e passo le serate a fare buchi col trapano, collegare cavi blu e rossi, e verniciare scaffali: vorrei comporre una playlist da trasloco ma mi sono fermato a Wherever I lay my hat, versione Paul Young e This house is empty now. Mi serve qualcosa di più vivace, per il trapano.
p.s. ah, ecco, Movin' out.

Abbonati al

Questa pagina fa parte dei contenuti visibili agli abbonati del Post. Se lo sei puoi accedere, se non lo sei puoi esserlo.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.