Il sito di e-commerce Etsy ha comprato la app di vestiti usati Depop

Etsy, il sito di e-commerce di oggetti fatti a mano e vintage, ha comprato la app britannica di compravendita di vestiti usati Depop. L’acquisizione è costata 1,6 miliardi di dollari (1,3 miliardi di euro). L’obiettivo di Etsy è quello di raggiungere utenti più giovani di quelli attuali, la cui media è di 39 anni: il 90 per cento degli utenti di Depop infatti ne ha meno di 26.

Depop è stato fondato nel 2011 dall’italo-britannico Simon Beckerman ed è cresciuto nell’incubatore per startup H-Farm, che si trova in provincia di Treviso. È un social network che permette a chiunque di vendere e acquistare capi di abbigliamento e accessori usati e guadagna trattenendo una commissione su ogni transazione. Nel 2020 ha fatto 70 milioni di dollari di fatturato (più di 57 milioni di euro), il doppio dell’anno precedente.

Etsy, che nasce come marketplace per artigiani e piccoli venditori di oggetti vintage, ha avuto un aumento delle vendite durante i primi mesi della pandemia e poi un calo in seguito alla riapertura dei negozi. Secondo il sito di tecnologia di The Verge, un altro motivo che potrebbe aver spinto Etsy ad acquistare Depop è quello di assicurarsi una solida base di utenti più abituati allo shopping online che a quello in negozio.

– Leggi anche: Il successo di Depop

(Depop)
TAG: ,