• venerdì 19 Febbraio 2021

Un’altra canzone dei Marillion

La sintesi di tutti i loro tentativi di essere i Genesis, stavolta

(Future-Image via ZUMA Press)

Le Canzoni è la newsletter quotidiana che ricevono gli abbonati del Post, scritta e confezionata da Luca Sofri (peraltro direttore del Post): e che parla, imprevedibilmente, di canzoni. Una per ogni sera, pubblicata qui sul Post l’indomani, ci si iscrive qui.
Esce un disco nuovo dei Crowded House, pop band australiana (lui è neozelandese, in realtà) di vecchissima data e grande successo laggiù e altrove, e da noi nota quasi soltanto per quella fantastica canzone che molti credono sia di Venditti.
Uno si ricorda bene soprattutto le cose di decenni fa, piuttosto che quelle di ieri: io per esempio credo di ricordarmi i numeri di telefono dei cinema di Pisa negli anni Settanta, 23075, 41339, 43390. Boh, magari sono il pin del mio bancomat. Oggi per esempio era il compleanno di una mia compagna delle medie che mi piaceva, e le regalai il 45 giri della Vie en rose di Grace Jones. Era il 1977, avevo tredici anni.

Abbonati al

Questa pagina fa parte dei contenuti visibili agli abbonati del Post. Se lo sei puoi accedere, se non lo sei puoi esserlo.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.