• Mondo
  • venerdì 12 Febbraio 2021

C’è un nuovo video dell’arresto della bambina afroamericana di Rochester a cui era stato spruzzato addosso spray urticante

Giovedì il dipartimento della polizia di Rochester, città nello stato di New York, negli Stati Uniti, ha diffuso un nuovo video relativo all’arresto dello scorso 29 gennaio di una bambina afroamericana di 9 anni a cui poi era stato spruzzato addosso spray urticante. I nuovi filmati mostrano che molti dei nove agenti che erano intervenuti avevano minacciato la bambina per convincerla a salire sull’auto della polizia, come in parte si vedeva già nel video di 11 minuti che era stato pubblicato inizialmente.

Il nuovo video dura quasi un’ora e mezza e come quello diffuso inizialmente mostra i fatti ripresi dalle telecamere indossate dagli agenti di polizia (body camera): secondo l’avvocato della famiglia della bambina, Donald Thompson, è «molto più scioccante» di quello precedente perché «la mancanza di umanità è sorprendente».

Le immagini mostrano che molti degli agenti presenti avevano minacciato ripetutamente la bambina, apparentemente senza alcuna empatia nei suoi confronti. Poco dopo che un agente le aveva spruzzato addosso lo spray urticante, una poliziotta le aveva detto: «Te la sei cercata tu». Quando la bambina aveva chiesto aiuto, dicendo che le bruciava l’occhio, l’agente le aveva risposto freddamente: «È proprio quello che deve fare lo spray al peperoncino».

La diffusione del primo video aveva provocato grande indignazione nella comunità di Rochester e causato la sospensione di alcuni degli agenti coinvolti nei fatti. I poliziotti erano intervenuti per una segnalazione di schiamazzi, riferendo in un secondo momento che la bambina aveva detto di voler uccidere la madre e volersi suicidare. La bambina era stata bloccata, spinta nella neve e ammanettata, e dal momento che si rifiutava di salire su un’auto della polizia, piangendo e urlando, un agente le aveva spruzzato addosso dello spray urticante.

(Dipartimento della Polizia di Rochester via AP Photo)