• Italia
  • martedì 15 Settembre 2020

L’Antitrust ha multato Poste Italiane per 5 milioni di euro a causa della mancata consegna delle raccomandate

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM) italiana – quella che siamo abituati a chiamare “Antitrust” – ha multato Poste Italiane con una sanzione di 5 milioni di euro per la mancata consegna delle raccomandate. In particolare, secondo l’autorità, Poste Italiane ha pubblicizzato in modo ingannevole il servizio di recapito delle raccomandate, in quanto non viene nella realtà effettuato «nei tempi e con la certezza enfatizzate nei messaggi pubblicitari».

Gli operatori di Poste Italiane infatti spesso lasciano, per comodità, l’avviso di giacenza della raccomandata nella cassetta postale anche quando sarebbe stato possibile consegnare la raccomandata stessa nelle mani del destinatario. Secondo l’Antitrust sono numerosissimi i reclami dei consumatori che hanno segnalato il mancato tentativo di consegna delle raccomandate, anche quando avevano la certezza di essere stati presenti in casa (come durante il lockdown dovuto all’emergenza coronavirus o nel caso di persone disabili).

Per l’Antitrust questo disservizio ha causato ai clienti «un inammissibile onere», costringendoli a lunghe perdite di tempo e di denaro per poter ritirare le raccomandate che non erano state consegnate come previsto.

5 milioni di euro è la sanzione massima prevista per legge, ma secondo l’Antitrust non risulta deterrente per un’azienda che nel 2019 ha fatturato 3,492 miliardi di euro: in sostanza è una cifra troppo bassa perché l’azienda possa cambiare le sue procedure a causa della sanzione. Per l’Antitrust il comportamento di Poste Italiane non provoca solo danni ai consumatori, ma «anche al sistema giustizia del paese».

Poste Italiane ha replicato alla multa dell’Antitrust sostenendo che «è priva di qualsiasi fondamento l’ipotesi secondo la quale l’azienda avrebbe posto in essere azioni che ingannino i clienti in merito alle caratteristiche del prodotto raccomandata». Viene inoltre duramente criticato il riferimento ai danni che Poste Italiane avrebbe arrecato al sistema giustizia. «Lascia anzitutto esterrefatti il riferimento contenuto nel provvedimento ai servizi di notificazione a mezzo Posta e all’asserito grave danno che Poste avrebbe arrecato al sistema giustizia del Paese. – si legge nel comunicato – Si tratta di un servizio e di condotte che mai sono state oggetto della procedura istruttoria e che solo oggi emergono dalla comunicazione dell’Antitrust. Peraltro, come dovrebbe essere noto, trattasi di un servizio del tutto differente dalle raccomandate, rigorosamente disciplinato dal legislatore e in merito al quale, da decenni, Poste Italiane garantisce il corretto funzionamento del Sistema Giustizia su tutto il territorio nazionale».

(ANSA/MASSIMO PERCOSSI)