• Mondo
  • giovedì 3 Settembre 2020

Negli Stati Uniti è stato diffuso il video di un uomo afroamericano morto asfissiato dopo essere stato incappucciato dalla polizia

Aggiornamento delle 23: Sette agenti di polizia coinvolti nell’arresto di Daniel Prude sono stati sospesi. Letitia James, procuratrice generale dello stato di New York, ha promesso un’indagine «giusta e indipendente».

***

Mercoledì 2 settembre è stato diffuso un video realizzato lo scorso marzo che mostra un uomo afroamericano, che correva nudo per le strade di Rochester, nello stato di New York, negli Stati Uniti, che è morto per asfissia dopo che alcuni agenti di polizia gli avevano messo un cappuccio sulla testa e poi gli avevano premuto la testa sul marciapiedi per due minuti.

(Attenzione: il video contiene immagini molto violente)

Le cose da sapere sul coronavirus

Il video è stato diffuso dalla famiglia dell’uomo, che si chiamava Daniel Prude ed è morto lo scorso 30 marzo, sette giorni dopo essere stato arrestato e incappucciato dagli agenti a Rochester. La morte di Prude non era nota al pubblico e ai media fino a mercoledì quando la sua famiglia ha convocato una conferenza stampa in cui ha diffuso le immagini delle telecamere della polizia e i rapporti sul caso.

Nel video si vede che gli agenti dopo l’arresto mettono in testa a Prude un cappuccio bianco “anti-sputo”, un dispositivo utilizzato dalla polizia per difendersi dalla saliva di un arrestato. In quei giorni negli Stati Uniti erano stati accertati i primi casi di coronavirus.

(Polizia di Rochester/AP)