• martedì 1 Settembre 2020

Una canzone di Eddie Vedder

Una con cui avrebbe potuto vincere un Oscar, cantandola o canticchiandola

(Mike Coppola/Getty Images)

Nel complicato calderone del dibattito sul "blackface", che naturalmente ha valenze e implicazioni diverse negli Stati Uniti da quelle che ha qui ma questo non significa che non sia importante capirle, mettiamo anche David Byrne che si è scusato per una sua interpretazione nel film dei Talking Heads Stop making sense.
Oggi è il quarantesimo compleanno di Paris, il "doppio live" dei Supertramp che risolse un Natale e poi parecchi giorni ancora a me e a mio fratello.
Forse qualcuno si ricorda di quella bella canzone di Waxahatchee, cantautrice americana: il suo fidanzato cantautore Kevin Morby, a cui accennai, ha fatto una canzone nuova, con lei dentro in una costruzione abbastanza anomala, se seguite la canzone oltre i due minuti.

Abbonati al

Questa pagina fa parte dei contenuti visibili agli abbonati del Post. Se lo sei puoi accedere, se non lo sei puoi esserlo.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.