• Cultura
  • mercoledì 26 Agosto 2020

Il romanzo “Il disagio della sera” di Marieke Lucas Rijneveld ha vinto l’International Booker Prize

Il romanzo Il disagio della sera dell’olandese Marieke Lucas Rijneveld ha vinto l’International Booker Prize, il più prestigioso premio letterario dell’editoria anglo-americana per i libri di narrativa tradotti in inglese da altre lingue. Il romanzo ha per protagonista una ragazzina che vive nella campagna olandese. La storia comincia quando uno dei suoi fratelli muore in un incidente, dopo che la ragazzina aveva desiderato che morisse al posto del suo coniglio. È un romanzo di ispirazione autobiografica: anche uno dei fratelli di Rijneveld morì quando era molto giovane.

Rijneveld ha 29 anni e non si riconosce né nel genere femminile né in quello maschile; Il disagio della sera, che ha avuto un grande successo nei Paesi Bassi, è il suo romanzo d’esordio. È la persona più giovane ad aver ricevuto l’International Booker Prize. Insieme al riconoscimento Rijneveld ha vinto 25mila sterline (28mila euro) così come Michele Hutchison, che ha tradotto Il disagio della sera in inglese.

L’International Booker Prize (che fino al 2019 era noto come Man Booker International Prize, perché sponsorizzato dal Man Group) non va confuso con il più importante Booker Prize: è il premio che viene consegnato al miglior romanzo in inglese pubblicato nel Regno Unito durante l’anno, un equivalente del premio Strega per il mercato editoriale anglo-americano.

Il disagio della sera è stato pubblicato in italiano dalla casa editrice Nutrimenti, nel 2019, un anno dopo l’uscita nei Paesi Bassi.

Marieke Lucas Rijneveld sulla copertina italiana del romanzo "Il disagio della sera"