Una canzone dei Radiohead

Piena di significati e di interpretazioni di significati e di decorazioni e invenzioni, ma poi alla fine è soprattutto una voce e un piano

(Kevin Winter/Getty Images for Coachella)

C'è un EP nuovo dei Massive attack.
Un EP, che non si capisce
perché lo dobbiate sapere se non siete assidui frequentatori del mercato discografico, è un disco di poche canzoni: il suo uso nella storia ha avuto molte declinazioni, ma per capirci limitiamoci a questo. Sta per "Extended Play".
E c'è anche una canzone nuova di Elvis Costello, molesta come quella di prima.
A un certo punto mi sono convinto che uno stato eccezionale di alienazione mentale, dipendenza e perdita di lucidità lo si raggiunga con l'amore, con l'alcol e le droghe, o con la musica. Qualcuno mi ha obiettato "anche col cibo", ma secondo me è meno frequente e meno garantito. Essendo scarso in alcol e droghe, sarà per quello che insisto molto con la musica e coi suoi effetti, di cui scrissi qualcosa una volta.

Abbonati al

Questa pagina fa parte dei contenuti visibili agli abbonati del Post. Se lo sei puoi accedere, se non lo sei puoi esserlo.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.