(Uniqlo)

La tecnologia di Uniqlo per un intimo più fresco

Dal 2012 il marchio di abbigliamento giapponese studia tessuti traspiranti per canottiere, reggiseni e altri indumenti (in sconto in questi giorni) pensando al cambiamento climatico

(Uniqlo)

Entrando in un negozio di Uniqlo (in Italia ce n’è uno, a Milano) ci si accorge subito che per la catena di abbigliamento giapponese è importante la composizione dei suoi abiti: gran parte dei pantaloni, delle camicie e delle magliette in esposizione è divisa, oltre che tra reparto donna e reparto uomo, in base al materiale di cui sono fatti. Insieme alla semplicità delle linee, l’attenzione per i tessuti distingue Uniqlo da altri marchi di abbigliamento economici. Non solo per come sono allestiti i vestiti nei negozi, ma anche per lo sviluppo di una tecnologia per rendere gli indumenti intimi più traspiranti: AIRism, di cui parte della collezione sarà scontata da oggi e fino al 28 giugno.

Una maglietta della collezione femminile AIRism (Uniqlo)

Cos’è AIRism
Da anni Uniqlo fa ricerca sulla sudorazione per produrre magliette intime, canottiere, mutande e reggiseni (ma anche indumenti adatti a stare in casa o a fare attività fisica) che lascino la pelle asciutta in tutte le stagioni. Ha iniziato nel 2007, studiando un tessuto per l’intimo maschile che si asciugasse in fretta. Dal 2012 esiste la collezione AIRism, che comprende capi per bambini e adulti, e ogni anno viene rinnovata con nuove soluzioni per rendere i tessuti più traspiranti.

La collezione è nata da una riflessione sui cambiamenti climatici, sul riscaldamento globale e sul conseguente uso dell’aria condizionata, per cui spesso – in Europa solo d’estate, in altre parti del mondo tutto l’anno – siamo soggetti a intensi sbalzi di temperatura. Il mondo della moda sarà sempre più influenzato da questi fenomeni. Quando indossiamo dei vestiti, tra la nostra pelle e il tessuto che la copre, si crea un ambiente con il proprio microclima: come l’ambiente esterno è caratterizzato da una sua temperatura, da una sua umidità e da un suo ricambio dell’aria. A seconda delle condizioni, che sono ovviamente influenzate dagli scambi con l’ambiente esterno, si suda.

Gli indumenti della collezione di intimo AIRism sono pensati per aiutare a mantenere costante il proprio microclima a prescindere dalle condizioni ambientali esterne, in modo che il contatto con i vestiti sia sempre piacevole. Questo grazie a otto caratteristiche: sono traspiranti, quindi aiutano il corpo a scambiare calore con l’esterno; assorbono il sudore; si asciugano in fretta; lasciano uscire anche l’umidità; sono freschi al tatto; sono lisci; hanno proprietà studiate per neutralizzare gli odori del corpo, e infine sono elastici.

Le otto caratteristiche degli indumenti di AIRism (Uniqlo)

Uniqlo ha progettato il tessuto AIRism insieme a Toray, un’azienda chimica giapponese. La sua particolarità è la presenza di fibre molto sottili, con un diametro pari a un dodicesimo di quello dei capelli umani, che migliorano le funzioni di assorbimento del tessuto, oltre a renderlo particolarmente morbido e setoso.

Le ultime novità di AIRism
La collezione del 2020 ha una novità, proposta per gli indumenti maschili: AIRism Cotton, un tessuto a due strati, cotone all’esterno e AIRism all’interno. Per questo le magliette realizzate con questo materiale possono essere usate non solo sotto alle camicie ma anche senza niente sopra. Fa parte della collezione maschile di quest’anno anche una linea di indumenti in AIRism Micromesh, più fresco ed elastico rispetto al classico AIRism; alcuni capi di questa linea sono senza cuciture e per questo non si vedono sotto i vestiti.

Una maglietta in (Uniqlo)

Per quanto riguarda la collezione femminile, anche quest’anno comprende una linea di indumenti pensati per proteggere la pelle dai raggi ultravioletti (UV), tra i fattori di rischio più importanti nell’insorgenza del melanoma e di tumori della pelle. Tutti i vestiti fanno da schermo ai raggi UV, ma quelli della linea AIRism UV Cut sono studiati per farlo meglio, e coprendo una superficie maggiore della pelle senza per questo aumentare il senso di calore.