• Mondo
  • domenica 17 Maggio 2020

Almeno venti civili sono stati uccisi da miliziani armati nel nordest della Repubblica Democratica del Congo

Almeno venti civili, tra cui vecchi, donne e bambini, sono stati uccisi nella provincia di Ituri, nel nordest della Repubblica Democratica del Congo. Altre 17 persone sono state ferite. Alcuni testimoni hanno riferito a AFP che l’attacco è avvenuto con armi da fuoco ma anche machete e coltelli.

Le autorità locali attribuiscono la strage ai miliziani del Codeco (Cooperativa per lo Sviluppo del Congo), uno dei numerosi gruppi armati attivi nel paese, accusato di aver ucciso già centinaia di civili, dall’inizio dell’anno.