• Italia
  • giovedì 26 Marzo 2020

La Corte Costituzionale ha stabilito che è illegittimo l’obbligo per gli autonoleggi con autista di rientrare in sede dopo ogni corsa

La Corte Costituzionale ha stabilito che è illegittimo l’obbligo per gli autonoleggi con autista (NCC), e quindi anche per i servizi come Uber, di far rientrare ogni propria auto in sede dopo la singola prestazione, come era stato stabilito da un decreto legge di fine 2018. A fare ricorso contro il decreto era stata la Calabria, che aveva contestato un’intrusione dello Stato nelle competenze regionali sui trasporti locali. L’obbligo era stato introdotto come risposta alle grandi proteste dei tassisti per l’arrivo in Italia di Uber e di servizi simili.

La Corte ha spiegato che l’obbligo comporta una corsa “a vuoto” degli NCC, e che è «sproporzionato» per assicurare «che il servizio sia rivolto a un’utenza specifica e non indifferenziata», visto che al posto del rientro in sede questo può essere garantito «senza interferire con il servizio dei taxi» con gli strumenti tecnologici. In pratica, dice la Corte Costituzionale, il rientro in sede non serve a evitare che i servizi di NCC e quelli come Uber offrano un servizio analogo a quello dei taxi, visto che per prenotarli si passa comunque attraverso un’app o una telefonata al servizio stesso.

Un portavoce di Uber ha detto al Post: «Crediamo che tale decisione rappresenti un primo passo verso la modernizzazione della legge che regola i trasporti privati in Italia. Ci impegniamo ad essere un partner di lungo termine delle città italiane e a lavorare con i taxi e gli NCC per costruire insieme il futuro della mobilità».

(Fabrizio Corradetti/LaPresse)