• TV
  • mercoledì 11 Marzo 2020

Cose da guardare stasera

In TV o su qualsiasi altro schermo, visto che bisogna stare in casa

Ormai dovrebbe essere chiaro: nelle prossime settimane toccherà a tutti stare in casa il più possibile. Un piccolo sacrificio necessario e importante, che si può sfruttare, specialmente quando viene sera e si sono esaurite molte delle altre attività possibili, per starsene in poltrona a guardare qualcosa in tv, o sul tablet, o persino sullo smartphone. Un po’ di consigli, quindi.

The Martian, dalle 21.20 su Rai 1
Il titolo giusto, per l’Italia, sarebbe Sopravvissuto – The Martian, ma ci eravamo già capiti anche prima. È del 2015, diretto da Ridley Scott, e il sopravvissuto in questione è Matt Damon, che dopo una sfortunata serie di eventi si ritrova tutto solo a vivere su Marte. C’è una remotissima possibilità che qualcuno dalla Terra se ne renda conto, ma prima di pensarci il protagonista deve tirare avanti giorno dopo giorno e, per l’appunto, sopravvivere. Solo dopo averlo fatto può ingegnarsi per chiedere se qualcuno, per favore, può fare qualcosa per lui. È di certo un film che fa sembrare un sacrificio quantomeno modesto il dover stare a casa per un po’ di giorni, ed è un film che piacque – così come era piaciuto il libro da cui era tratto – per come procedeva presentando via via problemi sempre nuovi e, di volta in volta, soluzioni più o meno scientifiche a quei problemi. Un criticò lo definì «un blockbuster per persone intelligenti».

City of Angels – La città degli angeli, dalle 21.15 su La 5
Un rifacimento anni Novanta del Cielo sopra Berlino di Wim Wenders, ambientato proprio in quella città della California. È uno di quei film che sta tra un “ho pianto tantissimo” e un “melenso e sdolcinato”, dipende a chi si chiede. C’è Nicolas Cage che fa un angelo e difficilmente si trova qualcuno che dica che sia un film migliore di quello di Wenders.

Dirty Money, su Netflix
Su Netflix è arrivata oggi la seconda stagione di questa serie documentaria che racconta storie losche, pazzesche e spesso sconvolgenti di soldi. Parla, in altre parole, di scandali finanziari, truffe e speculazioni. È di quelle serie di cui si può anche solo guardare qualche episodio, nell’ordine che si preferisce, partendo magari da “Oro sporco” o da “Miliardario dei bassifondi” (che parla di Jared Kushner, genero di Donald Trump).

Il sorpasso, su Mediaset Premium
Servizio gratuito, che sta a Mediaset come RaiPlay sta alla Rai. RaiPlay è molto più ricco e vario, ma non è che Mediaset Play sia fatto solo di puntate di Colpo Grosso. Ci sono anche ottimi film italiani, come questo gran film di Dino Risi, che racconta benissimo un pezzo di storia italiana. Si vede che ha quasi sessant’anni per il bianco e nero e per l’Italia che racconta, non tanto per il ritmo e il modo con cui lo fa. Comunque, per chi volesse, su Mediaset Play ci sono anche tutte le puntate di Colpo Grosso, e pure quelle raccontano bene, a modo loro, un pezzo di storia italiana.

Shining, su Infinity
Un altro film su un isolamento, gestito un tantino peggio che in The Martian. E comunque il problema in questo caso non è l’isolamento: è uno degli isolati e il posto da lui scelto per isolarsi. Danny Lloyd – che interpretò Danny, il bambino del film – nel frattempo è cresciuto, insegna biologia e sta ancora aspettando che qualcuno gli faccia avere quel maledetto triciclo. Infinity, per chi non ce l’ha, è gratis per i primi due mesi.

Storie incredibili, su Apple TV+
Anche se in realtà non sembrano essersene accorti in molti, da qualche mese c’è anche il servizio di streaming di Apple. E da qualche giorno è arrivata questa nuova serie, che è una nuova versione di una ideata e curata negli anni Ottanta da Steven Spielberg. Per farsi un’idea, il primo episodio (l’unico per ora disponibile) della nuova stagione parla di una coppia che trova un portale spaziotemporale in cantina. Apple TV+ è gratis per sette giorni, poi costa 4,99 euro al mese.

Bangla, su TIMVision
Per chi ha sfruttato o sfrutterà il mese di prova offerto da TIMVision, un film recente e di cui si è parlato bene: scritto, diretto e interpretato da Phaim Bhuiyan e ambientato a Torpignattara.