• Mondo
  • venerdì 14 febbraio 2020

Una corte federale degli Stati Uniti ha bloccato temporaneamente un contratto da 10 miliardi di dollari tra Microsoft e il Dipartimento della Difesa, su richiesta di Amazon

Una corte federale degli Stati Uniti ha bloccato temporaneamente un contratto di 10 anni, dal valore stimato di circa 10 miliardi di dollari, tra il Dipartimento della Difesa e Microsoft. La decisione di bloccare l’accordo – che riguarda servizi di cloud computing e si chiama Joint Enterprise Defense Infrastructure (JEDI) – è arrivata perché Amazon aveva fatto causa, sostenendo che la decisione di affidare il contratto per JEDI a Microsoft era stata influenzata da Donald Trump, considerato ostile nei confronti di Amazon e di Jeff Bezos, capo e fondatore della società, oltre che proprietario, tra le altre cose, del Washington Post.

Il JEDI è uno dei più grandi contratti tecnologici fatti dal Dipartimento della Difesa statunitense e Microsoft, che aveva ottenuto il contratto a ottobre, avrebbe dovuto iniziare a lavorarci questo mese. Nel bloccare il contratto, la corte federale ha anche chiesto ad Amazon di depositare 42 milioni di dollari, nel caso in cui sarà in seguito deciso che il blocco non fosse necessario.

(Drew Angerer/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.