• Mondo
  • giovedì 13 febbraio 2020

Il Sudan ha accettato di risarcire le famiglie di 17 marinai americani uccisi in un attacco di al Qaida nel 2000

Il Sudan ha accettato di risarcire le famiglie di 17 marinai americani uccisi nell’attacco terroristico di al Qaida del 2000 contro la USS Cole, un cacciatorpediniere che fu gravemente danneggiato dall’esplosione di una barca mentre era ormeggiato nel porto di Aden, in Yemen. Gli Stati Uniti decisero che il Sudan fosse responsabile, visto che due degli attentatori erano stati addestrati lì: i risarcimenti sono stati una condizione imposta per l’eliminazione del Sudan dalla lista dei paesi che sostengono il terrorismo secondo il governo statunitense.

Questa operazione porterà alla revoca di alcune sanzioni economiche attualmente in vigore contro il Sudan, un obiettivo perseguito dal governo sudanese che si è insediato dopo la deposizione di Omar al Bashir. Non è chiaro di che cifra si tratti, ma una fonte di Reuters dice che si parla di circa 30 milioni di dollari.

I danni alla USS Cole. (U.S. Navy/Newsmakers)
TAG:

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.