greta thunberg marchio registrato
  • Mondo
  • giovedì 30 Gennaio 2020

Greta Thunberg vuole registrare il marchio del movimento Fridays For Future

E anche quello del proprio nome, per evitare che venga usato per scopi commerciali o da persone che non la rappresentano

greta thunberg marchio registrato

Mercoledì in un post su Instagram l’attivista svedese Greta Thunberg ha comunicato la sua intenzione di registrare il marchio del proprio nome e di quello del movimento ambientalista Fridays for Future. Nel post, Thunberg dice che in molti cercano di sfruttare la sua immagine e il suo nome come tramite per arrivare a politici e media, e aggiunge: «Siate estremamente sospettosi quando venite contattati da “me” o da qualcuno che dice di “rappresentarmi”».

Secondo Thunberg il suo nome e quello del movimento Fridays For Future vengono anche sfruttati per scopi commerciali senza il suo consenso, nella produzione e vendita di merchandise e prodotti non autorizzati, e da qui deriva la sua decisione di registrare i marchi. Inoltre, Thunberg dice di voler creare una fondazione insieme ai suoi familiari, il cui nome è già stato registrato ma che ancora non è stata resa operativa: servirà a gestire il denaro, le donazioni e i proventi delle varie attività.

Greta Thunberg ha 17 anni e si è fatta conoscere in tutto il mondo per aver dato inizio alle manifestazioni studentesche chiamate Fridays For Future (“Venerdì per il futuro”), organizzate per chiedere ai governi politiche e azioni più incisive per contrastare il cambiamento climatico e il riscaldamento globale. L’idea era nata il 20 agosto del 2018, quando Thunberg decise di non presentarsi più a scuola fino al 9 settembre seguente, giorno delle elezioni politiche, chiedendo al governo di occuparsi più seriamente del cambiamento climatico, adottando politiche più incisive per ridurre le emissioni di anidride carbonica (tra i principali gas serra).

Leggi anche: I negazionisti sul clima, in Australia e qui

Greta Thunberg a Losanna, in Svizzera, durante una manifestazione per il clima (Ronald Patrick/Getty Images)