Apple dovrà pagare un risarcimento di 837 milioni di dollari a un’università americana per violazione di due brevetti

Un tribunale federale statunitense ha deciso che Apple e la multinazionale Broadcom devono risarcire complessivamente 1,1 miliardi di dollari al California Institute of Technology – noto anche come Caltech – per aver violato due brevetti dell’istituto. In particolare, secondo i giudici Apple dovrebbe risarcire 837 milioni di dollari per aver utilizzato due chip di trasmissione di dati Wi-Fi che erano stati inventati e brevettati dalla Caltech, che aveva fatto causa alle due società nel 2016. Apple aveva commentato la decisione dicendo che si era limitata a utilizzare i chip prodotti da Broadcom, uno dei più grandi produttori di semiconduttori al mondo, e che quindi non poteva aver violato i brevetti. Apple non ha commentato la notizia ma ha confermato al sito The Verge di voler fare ricorso in appello.

(Yomiuri Shimbun via AP Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.