Bose chiuderà tutti i suoi negozi in Europa, Stati Uniti, Australia e Giappone

La società statunitense di elettronica Bose, specializzata in apparecchiature audio, ha annunciato che chiuderà tutti i suoi punti vendita in Europa, Stati Uniti, Australia e Giappone. In tutto saranno chiusi 119 negozi, mentre ne rimarranno aperti altri 130 che si trovano in Cina, negli Emirati Arabi Uniti, in India e in altri paesi asiatici. Bose ha spiegato la sua decisione dicendo che la vendita di cuffie, altoparlanti e altri prodotti audio avviene sempre più online, a scapito dei negozi fisici.

In un comunicato diffuso mercoledì Colette Burke, vicepresidente delle vendite globali di Bose, ha detto: «All’inizio i nostri negozi hanno dato alle persone la possibilità di sperimentare, testare e confrontarsi con noi sui sistemi di intrattenimento. A quel tempo era un’idea radicale, ci eravamo concentrati su quello di cui i nostri clienti avevano bisogno e su dove ne avevano bisogno, e ora stiamo facendo la stessa cosa». Bose non ha specificato il numero dei dipendenti che verrano licenziati in seguito alla chiusura dei punti vendita.

(Billie Weiss/Getty Images)
TAG: ,

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.