Il concerto dei Rolling Stones a Hyde Park, a Londra, del 5 luglio 1969, dedicato all'ex chitarrista della band Brian Jones, morto due giorni prima (Reg Burkett/Express/Getty Images)

La furbata di Capodanno dell’etichetta dei Rolling Stones

Abko Records ha pubblicato per qualche ora su YouTube decine di registrazioni inedite della band inglese, probabilmente per aggirare le leggi europee e prolungarne i diritti d'autore

Il concerto dei Rolling Stones a Hyde Park, a Londra, del 5 luglio 1969, dedicato all'ex chitarrista della band Brian Jones, morto due giorni prima (Reg Burkett/Express/Getty Images)

Lo scorso 31 dicembre almeno 75 registrazioni della band inglese dei Rolling Stones, risalenti al 1969 e finora inedite, sono state brevemente pubblicate su YouTube da un account chiamato 69RSTRAX che, il primo gennaio, le ha rese private e quindi non più ascoltabili. Secondo gli esperti di leggi sul copyright consultati da Variety, la rivista di spettacolo che si è accorta per prima della presenza online delle registrazioni, dietro 69RSTRAX ci sarebbe l’ABKCO Music & Records, la casa discografica che amministra il catalogo dei Rolling Stones degli anni Sessanta: e avrebbe diffuso le registrazioni su YouTube per sfruttare una specie di gabola legale estendendone così la durata dei diritti d’autore nell’Unione Europea.

Nei paese europei, infatti, dal 2011 le registrazioni di brani musicali entrano nel pubblico dominio dopo 70 anni dalla data di registrazione, se sono state pubblicate in un disco. Nel caso però in cui una registrazione non sia mai stata diffusa, il copyright dura solo 50 anni. Per questo i diritti di sfruttamento delle registrazioni in questione, risalenti al 1969 e mai pubblicate, sarebbero scaduti con il nuovo anno. L’unico modo per prolungarli – di vent’anni – sarebbe stato pubblicarle entro la fine del 2019, e molto probabilmente è quello che è successo. La legge europea non chiarisce come pubblicare le opere, dice solo che devono essere «lecitamente pubblicate o lecitamente comunicate al pubblico». Per quanto breve, il tempo in cui le registrazioni sono state disponibili su YouTube potrebbe essere bastato a evitare la scadenza dei diritti.

A sostegno di questa teoria – che a distanza di giorni non è stata confermata né negata dalla Abko Music & Records – ci sono le caratteristiche dei file caricati su YouTube. La qualità audio era bassa, simile a quella di copie pirata, e in tutte le registrazioni che non erano state diffuse in precedenza in copie pirata si sentiva un suono di disturbo, probabilmente aggiunto per renderle sgradevoli da ascoltare. Al tempo stesso però le indicazioni sul copyright nelle descrizioni dei video erano precisissime. Secondo le conversazioni sui forum di appassionati, peraltro, non sarebbe nemmeno la prima volta che Abko usa questa tecnica per prolungare il copyright su alcune registrazioni.

Tra le 75 registrazioni c’erano quelle di vari concerti del 1969 (tra cui quello famigerato di Altamont) e versioni alternative di canzoni dei dischi Let It Bleed and Sticky Fingers. I Rolling Stones hanno pubblicato una serie di dischi con materiali di archivio risalenti agli anni Settanta in ottima qualità, ma secondo alcune fonti di Variety a causa dei rapporti tesi con Abko hanno sempre bloccato la diffusione di registrazioni precedenti al 1970. Forse da questo è derivato il tentativo di prolungarne il copyright con un trucco.

Secondo gli esperti che hanno parlato con Variety e con The Verge, comunque, non è detto che un trucco di questo tipo possa bastare a soddisfare i requisiti chiesti dall’Unione Europea. In passato, le case discografiche avevano usato altri modi per raggiungere lo stesso scopo, e cioè aggirare la formulazione di una legge sul copyright, nel caso di diritti su registrazioni minori, spesso interessanti solo per i fan più impallinati. Negli scorsi anni sono usciti, in edizioni limitate a pochissimi esemplari, inediti dei Beatles (come Bootleg Recordings 1963), e di Bob Dylan (il titolo Copyright Collections era piuttosto esplicito), finite subito fuori catalogo.