• Mondo
  • giovedì 26 Dicembre 2019

In Giappone è stata eseguita la condanna a morte di un cittadino cinese, la prima di uno straniero negli ultimi 10 anni

In Giappone è stata eseguita la condanna a morte di un cittadino cinese, la prima di uno straniero avvenuta nel paese negli ultimi dieci anni. L’uomo, Wei Wei, 40 anni, era colpevole di aver ucciso nel 2003 durante una rapina una famiglia composta da quattro persone a Fukuoka, città sull’isola di Kyushu.

Wei Wei si era dichiarato colpevole, ma aveva detto di aver avuto un ruolo secondario nel crimine. I suoi due complici erano scappati in Cina, dove erano stati arrestati: uno di loro fu ucciso a seguito dell’esecuzione della sua condanna a morte nel 2005, l’altro fu condannato all’ergastolo.

La ministra della Giustizia giapponese, Masako Mori, ha detto di aver firmato l’esecuzione di Wei Wei «dopo un’attenta valutazione»: «È un caso estremamente crudele e brutale in cui i membri di una famiglia che viveva felicemente, tra cui un bambino di otto e un bambino di undici anni, sono stati assassinati a causa di ragioni veramente egoistiche».

In Giappone ci sono ancora 110 detenuti in attesa dell’esecuzione capitale: quindici sono stati giustiziati l’anno scorso. Nel paese, ai detenuti in attesa nel braccio della morte viene data la notizia della loro imminente esecuzione il giorno stesso in cui viene eseguita.

La ministra giapponese della Giustizia Masako Mori, Tokyo, 26 dicembre 2019 (Kyodo News via AP)