(AP Photo/Luigi Costantini)
  • Italia
  • lunedì 23 dicembre 2019

Le foto dell’acqua alta a Venezia, di nuovo

Questa mattina la marea ha raggiunto i 144 centimetri, coprendo più della metà della superficie cittadina

(AP Photo/Luigi Costantini)

Lunedì mattina a Venezia è stato registrato un nuovo picco di acqua alta, il fenomeno per cui l’acqua dei canali supera il livello delle strade e che a novembre aveva raggiunto livelli eccezionali causando danni ingenti. Secondo i dati diffusi dal Centro maree del Comune, alle 9.40 la marea ha raggiunto i 144 centimetri, coprendo per il 60 per cento il suolo della città. Le previsioni avevano annunciato una quota possibile di 150 centimetri, ma – ha scritto ANSA – le condizioni meteo del vento in Adriatico hanno ridotto la spinta dell’acqua verso la città. Il livello dell’acqua è cominciato a scendere solo a partire dalle 10.10.

Secondo il Centro maree del Comune, dal 12 novembre ad oggi l’acqua è salita oltre gli 80 centimetri per 43 volte, allagando piazza San Marco, mentre per 14 volte si sono verificate acque alte al di sopra dei 110 centimetri e in 8 occasioni oltre i 120. La più drammatica è stata il 12 novembre con un livello di 187 centimetri.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.