Il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede durante una conferenza stampa all'interno del carcere di Rebibbia di Roma, 13 novembre 2019 (ANSA/MASSIMO PERCOSSI)

Il ministro Bonafede ha fatto confusione tra reato colposo e reato doloso

Dopo la sua dichiarazione, il consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Palermo ne ha chiesto le «immediate dimissioni»

Il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede durante una conferenza stampa all'interno del carcere di Rebibbia di Roma, 13 novembre 2019 (ANSA/MASSIMO PERCOSSI)

Mercoledì 11 dicembre il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede, che è anche avvocato, è stato ospite a Porta a Porta, il programma televisivo condotto da Bruno Vespa. Parlando della riforma della prescrizione, Bonafede ha detto che un reato diventa colposo quando non si riesce a dimostrare il dolo.

«Quando per il reato non si riesce a dimostrare il dolo, e quindi diventa un reato colposo, ha termini di prescrizione molto più bassi»

Dopo le dichiarazioni di Bonafede, il consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Palermo ha chiesto le «immediate dimissioni» del ministro. Le sue affermazioni, ha scritto in una nota, «sono del tutto errate dal punto di vista tecnico-giuridico». E ancora: «Proprio tali errate affermazioni sono state poste a sostegno dell’opportunità della riforma della prescrizione: ingenerano pericolosa confusione nell’opinione pubblica e l’avvocatura nutre il fondato timore che le riforme delle regole processuali e sostanziali, in ambito civile e penale, attualmente in discussione, siano basate sull’errata percezione e conoscenza degli istituti giuridici».

Dolo e colpa vengono definiti giuridicamente “elementi soggettivi del reato”: un fatto commesso con dolo è commesso intenzionalmente, e l’autore del reato quindi è cosciente delle conseguenze della sua azione; nel fatto commesso con colpa, invece, chi commette il reato non lo fa intenzionalmente e non ha preso coscienza delle conseguenze del suo gesto. Il dolo, secondo il codice penale italiano, rappresenta il criterio tipico di imputazione, mentre la colpa rappresenta l’eccezione, con la conseguenza che di colpa si risponde solo nei casi espressamente previsti dalla legge. Quindi è vero che in determinati casi ci sono reati punibili sia per dolo che per colpa, ma questo non vale come principio generale. Inoltre, per determinare la prescrizione, in linea generale, si deve fare riferimento alla pena massima per quel reato. Bonafede sembra invece confondere reato colposo e reato doloso e sembra suggerire che il reato colposo sia una versione “tenue” del reato doloso, alla quale si ricorre quando non si può dimostrare l’intenzione: sembra cioè che dica, in ogni caso, che un reato colposo sia un reato in cui non si riesce a dimostrare il dolo.

La riforma della prescrizione era stata approvata lo scorso dicembre durante il precedente governo Lega-M5S ed entrerà in vigore nel gennaio del 2020. Il provvedimento, molto controverso, farà si che una volta giunti alla sentenza di primo grado i processi non potranno più concludersi con l’estinzione del reato, indipendentemente da quanto tempo sarà trascorso prima della sentenza definitiva.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.