• Italia
  • venerdì 13 dicembre 2019

Il comune di Mezzojuso, in Sicilia, è stato sciolto per infiltrazioni mafiose

Il Consiglio dei ministri, su proposta della ministra dell’Interno Luciana Lamorgese, ha disposto lo scioglimento del consiglio comunale di Mezzojuso, in provincia di Palermo, per il rischio di infiltrazioni mafiose. ANSA scrive che la decisione è stata presa dopo «accertati condizionamenti da parte delle locali organizzazioni criminali, a norma dell’articolo 143 del Testo unico delle leggi sull’ordinamento degli enti locali». L’amministrazione del comune è stata affidata a un commissario straordinario fino a nuove elezioni.

Del comune di Mezzojuso si era parlato molto nei mesi scorsi per via del programma di La7 Non è l’Arena, che aveva dato ampio spazio alla storia delle sorelle Irene, Ina e Anna Napoli che avevano raccontato di essere state ripetutamente vittime di intimidazioni mafiose nella loro azienda agricola.

Il sindaco di Mezzojuso, Salvatore Giardina, in un fermo immagine tratto dalla trasmissione di La7 "Non Ë l'Arena" (ANSA)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.