• Cultura
  • martedì 10 dicembre 2019

La condanna per violenza sessuale a Bill Cosby è stata confermata in appello

La condanna per violenza sessuale a Bill Cosby, un attore e comico americano noto per la serie tv I Robinson, è stata confermata in appello. Lo ha deciso la Corte Suprema della Pennsylvania, confermando tutte le accuse che nel 2018 avevano portato alla condanna in primo grado da tre a dieci anni di carcere per violenza sessuale aggravata nei confronti di Andrea Constand, una dipendente della Temple University. Le donne che hanno accusato Cosby sono state decine, diverse delle quali hanno raccontato di essere state drogate e poi stuprate in stato di incoscienza.

Un primo processo si era concluso con un “mistrial”, cioè un annullamento, perché la giuria non era riuscita a raggiungere un verdetto. Al momento Cosby sta scontando la pena in un carcere alla periferia di Philadelphia. Quello di Cosby fu uno dei primi casi di potenti uomini dello spettacoli accusati di comportamenti sessuali predatori a generare il movimento #MeToo.

(Montgomery County Correctional Facility via Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.