Una scena della serie tv "Billions"
  • Articolo Sponsorizzato

Che cos’è il trading online

Come funziona l’attività che avrete visto pubblicizzata da qualche mirabolante annuncio online, e cosa si può fare con IW Bank

Una scena della serie tv "Billions"

È molto probabile che navigando online vi siate imbattuti in annunci pubblicitari sul trading online, a volte di intermediari noti e autorevoli, ma altrettanto spesso di società sconosciute e associati a irrealistici guadagni settimanali. Per chi non ha esperienza di investimenti e mercati borsistici, il trading online può sembrare un’attività complessa e al di fuori della propria portata, ma con IW Bank di Ubi Banca non è così.

Con l’espressione trading online ci si riferisce generalmente alla negoziazione e allo scambio di strumenti finanziari di vario tipo su internet, dal computer o da un dispositivo mobile. Attraverso un intermediario autorizzato, e grazie a piattaforme speciali e a un conto corrente aperto appositamente, è possibile fare investimenti da casa, acquistando e vendendo azioni, obbligazioni, futures, valute e materie prime. Con il trading online si può guadagnare allo stesso modo che con la borsa tradizionale: ad esempio, comprando un’azione a un certo prezzo e rivendendola a un prezzo più alto, ma anche facendo operazioni inverse come le vendite allo scoperto (short selling), vendendo strumenti finanziari che non si possiedono, con l’obiettivo di riacquistarli a un prezzo inferiore.

Il trading online è cresciuto molto negli ultimi anni, perché ha dato a tutti la possibilità di accedere e negoziare autonomamente sui mercati finanziari mondiali, da casa o in mobilità grazie ad una semplice piattaforma o applicazione. Certo, non è semplice come comprare un malloppo casuale di criptovalute e sperare che aumentino magicamente di valore: cioè quello che fece un pezzo della redazione del Post ai tempi d’oro dei Bitcoin. Per quanto semplice e attraente, investire alla cieca in criptovalute quando ormai ne avevano sentito parlare anche le tribù isolate dell’Amazzonia non era esattamente una grande idea, ammettono oggi quei redattori.

Se un tempo per fare trading online erano richiesti capitali di partenza ingenti e informazioni possedute soltanto dagli operatori professionali, ora chi muove i primi passi può iniziare anche con un piccolo capitale e imparare come funzionano i mercati e gli strumenti finanziari grazie ai molti contenuti formativi disponibili online. Allo stesso modo, sulle prime le piattaforme di trading online possono sembrare troppo complicate, ma non bisogna lasciarsi spaventare dalla grande quantità di funzionalità disponibili. Il segreto per partire bene è fare un passo alla volta, seguendo le guide e la formazione (online o in aula) che l’intermediario finanziario offre insieme alla piattaforma. IW Bank ne mette a disposizione quattro diverse, adatte a esigenze differenti e a vari livelli di esperienza e familiarità con lo strumento.

L’idea di cercare genericamente su internet informazioni sulle differenze tra gli strumenti finanziari, sul funzionamento dei mercati o sul corretto modo di usare le piattaforme potrebbe scoraggiare qualcuno. Proprio per questo, IW Bank offre un servizio di formazione gratuito chiamato IWTradingMaster, dedicato sia ai neofiti che ai trader più esperti, con lezioni video on demand dedicate a questi e altri temi. Quelle sul mercato rialzista e ribassista, in particolare, sarebbero tornate utili ai redattori del Post che hanno ritenuto il dicembre del 2017 un buon momento per comprare Bitcoin.

Proprio perché il trading online è ormai alla portata di chiunque abbia una connessione a internet, è un fenomeno che ha fatto emergere alcuni problemi. Come in tutti gli investimenti finanziari, con il trading online si possono perdere soldi: e con maggiore facilità rispetto agli investimenti tradizionali, visto che è un settore in cui si agisce spesso da soli, e la cui praticità può spingere a decisioni impulsive. Chi fa trading online sa bene infatti che l’aspetto psicologico è molto importante: quando si investe il proprio denaro sui mercati finanziari, entrano in gioco molte emozioni, come la paura di perdere i soldi, l’ansia dovuta all’incertezza e il desiderio incontrollato di guadagnare sempre di più.

Qualunque sia l’ammontare del capitale investito, non è possibile eliminare del tutto queste emozioni, ma si possono tenere a freno con delle regole. Per mantenere la lucidità nel trading online e fare sempre delle scelte oculate è necessario porsi limiti e regole precise: la più importante, valida in realtà per tutti gli investimenti, è di non investire mai più di quanto si sia disposti a perdere. Darsi dei limiti, e rispettarli, è fondamentale per poter approcciarsi fruttuosamente al trading online, tanto quanto lo studio della materia.

IWBank offre due profili di conto per fare trading, in base alle proprie esigenze: IW Conto e IW Conto Trading. Il primo consente l’operatività su 30 dei cosiddetti “mercati cash”, cioè quelli in cui gli strumenti finanziari sono venduti in cambio di denaro e vengono consegnati immediatamente. Le commissioni di questo profilo sono in parte fisse e in parte variabili.

Il secondo profilo, IW Conto Trading, permette in aggiunta di accedere anche a 10 mercati “derivati”, cioè quelli di strumenti come i futures o le opzioni, che derivano da altri asset sottostanti. In più, dà la possibilità di accedere ad altri servizi “evoluti”, comeIW Scalper e IW SuperScalper, che consentono per esempio di “operare in leva”. Significa acquistare o vendere strumenti finanziari fino a 20 volte sopra al proprio capitale, in finestre temporali diverse chiamate in gergo long, short, intraday e overnight. IW Conto Trading dispone poi dei servizi Derivati e SuperDerivati, pensati per scambiare opzioni e futures anche con “mini margini intraday”, cioè con esborsi inferiori rispetto a quelli richiesti normalmente, per aprire posizioni che poi andranno chiuse alla fine della giornata borsistica. Le commissioni di IW Conto Trading sono adattive, cioè si adeguano a quanto si investe.