• Cultura
  • giovedì 28 novembre 2019

Condé Nast Italia chiuderà la rivista mensile Glamour

Condé Nast Italia, la divisione italiana della nota casa editrice americana, ha fatto sapere che chiuderà l’edizione italiana della rivista mensile Glamour, che era stata avviata nel 1992. Fedele Usai, l’amministratore delegato dell’azienda, ha spiegato a Prima Comunicazione che «Glamour è un brand ancora importante per fatturato, ma il suo target, giovani donne attorno ai 20 anni, si è spostato e si sposterà sempre di più su piattaforme diverse dalla carta. Quindi bisogna essere selettivi, senza dimenticare che abbiamo altri due brand femminili importantissimi come Vanity Fair e Vogue».

Wired, che fa parte dello stesso gruppo editoriale, ha scritto che «9 dei 10 giornalisti della redazione sono in esubero, proprio mentre [la proprietà] valuta operazioni espansive, come un’unità redazionale organizzativa per lanciare nuovi prodotti. Per la quale, però, non accetta di considerare i giornalisti di Glamour».

L’edizione originale di Glamour è uscita per la prima volta negli Stati Uniti nel 1939 e oggi ha varie edizioni locali in diversi paesi del mondo, fra cui Francia, Regno Unito, Russia e Sudafrica.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.