WeWork licenzierà più di duemila dipendenti

WeWork, l’azienda statunitense che affitta spazi per il co-working in tutto il mondo, ha fatto sapere che licenzierà circa 2.400 dipendenti per diminuire i suoi costi, nell’ottica di un generale ridimensionamento delle sue attività. CNBC, a cui WeWork ha confermato la notizia, ha spiegato che si tratta del 19 per cento circa dei dipendenti totali della società.

Di WeWork si è parlato molto perché quest’anno avrebbe dovuto quotarsi in borsa, in seguito a una valutazione di 47 miliardi di dollari, ma poco prima della sua effettiva quotazione erano state scoperte le grosse perdite della società (1,4 miliardi di euro solo nel 2018) e i suoi successi finanziari molto inferiori alle aspettative, in parte per colpa di una cattiva gestione dell’ex CEO e fondatore Adam Neumann. WeWork, quindi, aveva dovuto rinunciare alla quotazione in borsa e aveva avviato un grosso piano di tagli. A fine ottobre WeWork aveva fatto un accordo di salvataggio con il grande conglomerato giapponese Softbank.

(AP Photo/Mark Lennihan)
TAG:

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.