• Italia
  • giovedì 14 novembre 2019

Undici agenti della polizia penitenziaria sono stati rinviati a giudizio con l’accusa di aver intimidito e pestato un detenuto del carcere di San Vittore tra il 2016 e il 2017

Undici agenti della polizia penitenziaria sono stati rinviati a giudizio con le accuse di intralcio alla giustizia, lesioni, falso e sequestro di persona: tra il 2016 e il 2017, quando lavoravano nel carcere milanese di San Vittore, avrebbero intimidito e pestato un tunisino di 50 anni, Ismail Ltaief, per punirlo per aver denunciato altri agenti per furti in mensa e percosse, e per impedirgli di testimoniare a un processo sulla vicenda. Nel 2o11 Ltaief, detenuto per tentato omicidio, aveva denunciato alcuni agenti in servizio nel carcere di Velletri, in provincia di Roma. A San Vittore anche un compagno di cella di Ltaief sarebbe stato intimidito dagli agenti affinché non rilasciasse testimonianze.

Il seminterrato del carcere di San Vittore, a Milano (Piero Cruciatti / LaPresse)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.