• Mondo
  • lunedì 11 novembre 2019

Un importante storico russo ha ammesso di aver ucciso la sua compagna – ed ex studentessa – e di averne smembrato il corpo

Oleg Sokolov, storico russo 63enne che nel 2003 era stato insignito della prestigiosa onorificenza francese della Legion d’Onore, ha ammesso di aver ucciso la sua compagna ed ex studentessa Anastasia Yeshchenko, di 24 anni, e di averne smembrato il corpo. Sokolov è stato ritrovato ubriaco lungo il fiume Moika, alla periferia di San Pietroburgo, con un arto della compagna nello zaino: stava cercando di nasconderne il corpo. Secondo le ricostruzioni dei media russi, avrebbe poi avuto intenzione di uccidersi vestito da Napoleone Bonaparte – di cui era esperto – alla fortezza di Pietro e Paolo, uno dei monumenti più famosi della città.

Sokolov, che ora viene descritto da colleghi e studenti come eccentrico e irascibile, ha detto di aver ucciso Yeshchenko con un colpo di un’arma da fuoco durante una lite. I due si frequentavano da tre anni: lei era stata sua studentessa all’Università di San Pietroburgo. Il suo corpo è stato ritrovato nella casa in cui vivevano, con la testa e gli arti segati. Sokolov era un noto storico dell’epoca napoleonica, su cui aveva scritto libri e sulla quale aveva dato consulenze cinematografiche. Secondo i media russi, nel 2008 aveva picchiato e minacciato di uccidere una precedente compagna, senza che fosse incriminato.

Oleg Sokolov durante una rievocazione storica nel2012. (AP Photo/Dmitri Lovetsky, File)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.