La Corte di Appello di Milano ha confermato una precedente condanna a un anno per Roberto Maroni

La Corte di Appello di Milano ha confermato la condanna a un anno nei confronti di Roberto Maroni, ex ministro ed ex presidente della Lombardia accusato di aver fatto assumere una sua ex collaboratrice a Eupolis, una società controllata dalla regione che si occupa di formazione. Così come era successo nel processo di primo grado, poi, Maroni è stato assolto dall’accusa di aver commesso un reato chiedendo che la società Expo 2015 pagasse un viaggio in Giappone a un’altra sua collaboratrice. La Corte di Appello ha confermato anche le condanne nei confronti di Andrea Gibelli, allora segretario generale della regione (10 mesi e 20 giorni), e dell’ex capo della segreteria di Maroni Giacomo Ciriello (1 anno).

(ANSA/UFFICIO STAMPA REGIONE LOMBARDIA)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.