• Sport
  • venerdì 8 novembre 2019

I calciatori convocati da Roberto Mancini per le prossime due partite della Nazionale

Sono stati comunicati i nomi dei 29 calciatori convocati dall’allenatore Roberto Mancini per le partite che la nazionale italiana maschile di calcio giocherà contro la Bosnia Erzegovina e l’Armenia il 15 e il 18 novembre. Le partite fanno parte del girone di qualificazione agli Europei del 2020, a cui l’Italia si è già matematicamente qualificata. Le partite saranno comunque utili per migliorare il ranking della nazionale italiana, e anche per fare qualche esperimento in vista del torneo estivo.

È la prima convocazione in Nazionale per il difensore del Brescia Andrea Cistana, il centrocampista della Fiorentina Gaetano Castrovilli e l’attaccante del Bologna Riccardo Orsolini. Tornano invece in Nazionale dopo più di un anno Rolando Mandragora, centrocampista dell’Udinese, e Domenico Berardi, attaccante del Sassuolo.

Portieri: Gianluigi Donnarumma (Milan), Pierluigi Gollini (Atalanta), Alex Meret (Napoli), Salvatore Sirigu (Torino);
Difensori: Francesco Acerbi (Lazio), Cristiano Biraghi (Inter), Leonardo Bonucci (Juventus), Andrea Cistana (Brescia), Giovanni Di Lorenzo (Napoli), Emerson Palmieri (Chelsea), Alessandro Florenzi (Roma), Armando Izzo (Torino), Gianluca Mancini (Roma), Alessio Romagnoli (Milan), Leonardo Spinazzola (Roma);
Centrocampisti: Nicolò Barella (Inter), Gaetano Castrovilli (Fiorentina), Frello Filho Jorge Luiz Jorginho (Chelsea), Rolando Mandragora (Udinese), Marco Verratti (Paris Saint Germain). Nicolò Zaniolo (Roma);
Attaccanti: Andrea Belotti (Torino), Domenico Berardi (Sassuolo), Federico Bernardeschi (Juventus), Federico Chiesa (Fiorentina), Stephan El Shaarawy (Shangai Shenhua), Ciro Immobile (Lazio), Lorenzo Insigne (Napoli), Riccardo Orsolini (Bologna).

(Maurizio Borsari/AFLO)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.