In Cina i minorenni non potranno giocare ai videogiochi online dalle 22 alle 8

La Cina ha pubblicato martedì delle nuove linee guida che regolano l’uso dei videogiochi da parte dei minorenni. In particolare, i minorenni non potranno giocare ai videogiochi online dalle 22 alle 8; nei giorni feriali potranno giocare un massimo di 90 minuti e nei weekend e nelle feste un massimo di tre ore giornaliere. Chi ha tra gli 8 e i 16 anni potrà spendere in videogiochi fino a 200 yuan (circa 26 euro) al mese, quelli tra i 16 e i 18 fino a 400 yuan (circa 51 euro) al mese. Inoltre dovranno registrarsi ai videogiochi con il loro vero nome e fornire altri dati personali, come un account WeChat o un numero di telefono. Il governo ha anche raccomandato alle aziende di progettare videogiochi che non creino dipendenza.

Il governo cinese sta cercando di contenere la dipendenza dei più giovani dai videogiochi, che considera da anni un problema preoccupante. Già nel 2018 aveva pubblicato delle linee guida che limitavano il numero di giochi online e il tempo in cui giocare e sviluppavano un sistema restrittivo in base all’età. La Cina è il secondo più grande mercato di videogiochi al mondo dopo gli Stati Uniti.

(Ivan Abreu/Getty Images for Hong Kong Tourism Board)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.