• Mondo
  • venerdì 25 ottobre 2019

Il governo americano ha deciso di far disdire alle agenzie federali i propri abbonamenti al New York Times e al Washington Post

Il governo statunitense ha invitato tutte le agenzie federali a disdire i propri abbonamenti al New York Times e al Washington Post, due tra i giornali più autorevoli e letti negli Stati Uniti, ma anche quelli più criticati dal presidente Donald Trump, che li ha sempre accusati di parzialità nei suoi confronti. Giovedì la portavoce della Casa Bianca, Stephanie Grisham, ha detto che «non rinnovare gli abbonamenti in tutte le agenzie federali porterà a un risparmio significativo per i contribuenti: centinaia di migliaia di dollari». Lunedì, durante un programma di Fox News, Trump aveva detto: «Il New York Times è un giornale fasullo… non lo vogliamo più alla Casa Bianca».

Non si sa quante agenzie federali siano abbonate ai due quotidiani e quanto spendano in abbonamenti.

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump, il 24 ottobre 2019 (AP Photo/Alex Brandon)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.