• Media
  • sabato 19 ottobre 2019

Secondo il Financial Times, Verizon sta cercando un compratore per l’HuffPost

Secondo il Financial Times, il gruppo di telecomunicazioni statunitense Verizon Communications sta cercando un compratore per l’HuffPost, il famoso giornale online fondato nel 2005 e noto inizialmente come Huffington Post (dal nome di una delle sue fondatrici, Arianna Huffington). Due fonti del Financial Times hanno confermato che nelle ultime settimane Verizon ha discusso la possibilità di vendere il giornale, senza però che sia stato ancora avviato un formale processo di vendita. Verizon, dopo aver investito tantissimo nell’economia digitale con le costosissime acquisizioni di AOL (di cui faceva parte l’Huffington Post) e Yahoo, negli ultimi anni ha cambiato parzialmente strategia, probabilmente per le diminuite prospettive di guadagno in quel settore. A gennaio aveva annunciato il taglio di circa 800 posti di lavoro nella sua divisione media; in estate aveva annunciato la vendita di Tumblr.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.