• Mondo
  • venerdì 18 ottobre 2019

Almeno 60 persone sono morte per una bomba esplosa in una moschea a Deh Bala, nell’Afghanistan orientale

Almeno 60 persone sono morte e 50 sono state ferite dopo che una bomba è esplosa in una moschea a Deh Bala, nell’Afghanistan orientale. L’esplosione è avvenuta durante le preghiere del venerdì, le più partecipate dai fedeli musulmani. Un portavoce del governatore della provincia dove è avvenuta l’esplosione ha detto che la bomba era nascosta sotto a un podio nella stanza principale dell’edificio. L’attentato non è ancora stato rivendicato ma il New York Times fa notare che la città confina con alcuni territori controllati dallo Stato Islamico (o ISIS).

Secondo un recente calcolo dell’ONU fra luglio e settembre in Afghanistan sono stati uccisi 1.174 civili, più o meno 13 al giorno, in attacchi e attentati. Da mesi il paese sta attraversando una nuova fase di tensione per via dei complessi negoziati per la pace fra talebani e Stati Uniti, e per la rinnovata attività dell’ISIS.

(AP Photo/Wali Sabawoon)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.