• Mondo
  • martedì 15 ottobre 2019

La polizia russa ha perquisito decine di uffici legati al leader dell’opposizione Alexei Navalny

Martedì mattina la polizia russa ha perquisito almeno trenta edifici legati al più importante leader di opposizione della Russia, Alexeï Navalny, e a FBK, la fondazione anti-corruzione guidata dallo stesso Navalny. Le perquisizioni sono state eseguite in almeno dodici città diverse. Navalny ha scritto su Twitter che «questa terza ondata» di perquisizioni in poche settimane ha avuto inizio alle 6 del mattino «in almeno 30 indirizzi» e il direttore della fondazione FBK Ivan Zhdanov ha spiegato a una radio locale che le indagini riguardano «il ​​caso di un presunto riciclaggio di denaro».

Lo scorso ottobre, il ministero della Giustizia russo aveva classificato come “ente straniero” FBK, dicendo che riceveva finanziamenti dagli Stati Uniti e dalla Spagna. FBK sostiene invece di essere finanziata esclusivamente da donazioni di cittadini russi.

Alexei Navalny, Mosca, 23 agosto 2019 (AP Photo/Dmitry Serebryakov)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.