• Internet
  • Questo articolo ha più di tre anni

Il Post a Pisa, all’Internet Festival

Con ospiti, redazione e amici, a parlare di come siamo cambiati su internet e di chi tiene online anche il Post

Il prossimo weekend, sabato 12 e domenica 13, il Post parteciperà all’Internet Festival di Pisa con un suo spazio e due interi pomeriggi di incontri, in collaborazione con il Registro dei domini di internet.
Andiamo con ordine, e spieghiamolo bene.

L’Internet Festival è un festival di quattro giorni che ormai da nove anni occupa la città di Pisa (“la meravigliosa città di Pisa”, insiste il direttore del Post) con un ricchissimo calendario di incontri ed eventi che si fanno forti dello storico rapporto della città, della sua università e dei suoi centri di ricerca con l’innovazione digitale italiana.
Il Registro è la struttura del CNR che da sempre gestisce e fa funzionare l’anagrafe dei domini “punto it” in Italia (quindi anche il Post): da anni ha una sua presenza all’interno dell’Internet Festival e quest’anno ha proposto al Post di condividerla per unire le forze e creare un progetto di divulgazione ancora più ricco.

Il risultato saranno due giornate di racconti e discussioni che abbiamo chiamato “Punto It, un quotidiano dal vivo”, e che alterneranno incontri con ospiti sui temi del cambiamento di internet (di internet, ora ci arriviamo) a interventi della redazione del Post di aggiornamento sull’attualità e sulle news, attingendo alla rete di collaborazioni e amicizie del Post: quindi con Makkox, Paolo Nori, Massimo Mantellini, i The Jackal, Simona Siri, il Terzo segreto di satira, Carola Frediani, Carlo Blengino, Federico Ferrazza, Christian Rocca, tra gli altri. Con una traccia di conversazione e riflessione che suonerà più o meno così: “chiudiamo e archiviamo le discussioni su come sono cambiate le cose dopo l’arrivo di internet: le abbiamo fatte abbondantemente; entriamo – ci siamo già entrati – in un dibattito su come sono cambiate già le cose dentro internet e il nostro rapporto con internet, rispetto a – diciamo – dieci o vent’anni fa”. E ce ne sono da dire, da parte di tutti.

Qui il programma di sabato e quello di domenica.