• Mondo
  • lunedì 7 ottobre 2019

Una nave di pattuglia giapponese e un peschereccio nordcoreano si sono scontrati lunedì mattina

Lunedì mattina una nave di pattuglia dell’agenzia della Pesca giapponese, un ente del ministero della Pesca, si è scontrata con un peschereccio nordcoreano nel mare tra il Giappone e la penisola coreana: 20 pescatori nordcoreani sono finiti in acqua ma sono stati messi in salvo dai giapponesi. La Guardia Costiera giapponese, che sta indagando sull’incidente, ha detto che non ci sono feriti.

Secondo la televisione giapponese TBS l’incidente è avvenuto all’interno della zona economica esclusiva del Giappone: negli ultimi mesi l’agenzia giapponese della Pesca ha più volte avuto a che fare con molti pescherecci nordcoreani che si erano spinti nelle acque giapponesi per pescare seppie, in modo illegale. Secondo gli esperti di Corea del Nord, il numero di imbarcazioni nordcoreane che si spingono al di fuori delle proprie zone di pesca è aumentato perché il governo della Corea del Nord vuole aumentare la produzione ittica. Solo a giugno la Guardia Costiera giapponese ha respinto più di 300 imbarcazioni nordcoreane. L’incidente di oggi è avvenuto mentre la nave giapponese stava mandando dei segnali di avvertimento al peschereccio perché si allontanasse.

La nave giapponese che si è scontrata con un peschereccio nordcoreano a nord-ovest della penisola di Noto, in Giappone, il 7 ottobre 2019 (Guardia Costiera giapponese via AP)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.