(Rischgitz/Getty Images)
  • cit
  • lunedì 7 ottobre 2019

Edgar Allan Poe e le poche cose a cui bisogna credere

(Rischgitz/Getty Images)

Non credere a niente di quello che senti, e solo alla metà di ciò che vedi.

Edgar Allan Poe, “Il sistema del dott. Catrame e del prof. Piuma”

Edgar Allan Poe, uno dei più importanti scrittori della letteratura statunitense e considerato tra gli inventori dell’horror moderno e del giallo, morì il 7 ottobre 1849, centosettant’anni fa. Era nato quarant’anni prima a Boston, in una famiglia di attori, e aveva scritto decine di racconti che riscossero in fretta un discreto successo, permettendogli di vivere della sua scrittura, tra i primissimi autori americani a farlo. Fece comunque una vita difficile, con pochi soldi e segnata dalle dipendenze dall’alcol e dalle droghe. Morì in un ospedale di Baltimora dove era stato ricoverato qualche giorni prima, dopo esser stato ritrovato a vagare per strada in stato delirante indossando vestiti altrui. Una delle principali ipotesi era che avesse contratto la rabbia.

La sua influenza sulla cultura dei decenni successivi fu enorme, e molti dei suoi racconti – Il gatto nero, I delitti della Rue Morgue, Il cuore rivelatore, Il pozzo e il pendolo – sono diventati tra i più grandi classici della letteratura americana. Nel Sistema del dott. Catrame e del prof. Piuma, uscito nel 1845 sul Graham’s Magazine, Poe racconta di una immaginaria visita in un istituto mentale della Provenza, in Francia dove si pratica una forma di terapia innovativa che però, scopre, è stata recentemente abbandonata. Incontrando il direttore, Monsieur Maillard, questi gli dice di non credere a quello che sente, e solo a metà di quello che vede.

Invitato a un pranzo, viene accolto in una sala in cui le portate sono servite in modo caotico, e i medici e gli infermieri sono vestiti in modo stravagante e si comportano apparentemente come i pazienti che gli descrivono. Maillard gli racconta quindi perché è stato abbandonato il metodo precedente, sostituito con quello “del dott. Catrame e del prof. Piuma”: un paziente a cui era stata concessa troppa libertà era riuscito a imprigionare lo staff medico della struttura. Alle sue domande su come sia stato ristabilito l’ordine, si scopre che rinchiusi nelle celle del manicomio ci sono una serie di persone ricoperte di piume e catrame: sono i medici e gli infermieri, imprigionati dai pazienti con cui il narratore sta pranzando inconsapevole.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.